Categorie
Metaforacce

Lilliput

Si parla di quella limitatezza che provavi da bambino, quando si viaggiava in macchina. Magari per andare lontano.

Le ore.

Da bolide a loculo nel giro di pochi chilometri. Però si parla di bambini, ovvero quando tutto è scoperta inconsapevole.

Ogni cucitura si può trasformare in una pista, o un sentiero dove chissà quale tipo lillipuziano si è messo in marcia alla ricerca di provviste, che è certo di trovare sotto il sedile anteriore, ovvero luogo dimenticato nonché porta di qualche inferno sconosciuto.

Più o meno il meccanismo è questo. In quel momento ci basta così. Sfoderiamo le nostre capacità da sceneggiatori hollywoodiani innate. Solo che nessuno ci da un euro. E ci va bene così.

Curiosa è la gara di velocità tra le gocce di pioggia che scendono dal finestrino, in cui le gocce più grandi mangiano le gocce più piccole come fossero malvagi cannibali senza cuore. Qualche strano meccanismo ci porta sempre a tifare per la goccia più lenta. Forse perché vedere una goccia scarsa vincere il campionato mondiale di cannibalismo ci da qualche strana speranza.

Poi arriva il momento in cui si guarda fuori dal finestrino, e si nota come, focalizzandoci su di un albero, la velocità di scorrimento delle immagini cambi. Se guardi tutto, velocissimo, se guardi una cosa, lentissimo. Ed è così che ci viene in mente che forse abbiamo il potere di velocizzare il tempo, rimanendo costantemente delusi.

Intanto gli occhi lentamente iniziano a chiudersi, perché dare vita alle cose costa fatica. E un chissà quale cd sconosciuto degli anni ’80 aiuta a conciliare il sonno.

Poi si apre la portiera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...